.
Annunci online

conati di lucidità, rigurgiti di resistenza
Intellighenzia padana alla riscossa: mafia al nord colpa dei magistrati meridionali
post pubblicato in StupidItalia, il 8 settembre 2011

Il Torazzi  Il Torazzi

di Luigi Corvaglia

Sapete perché la mafia è diffusa al Nord? Forse perché i mafiosi vogliono riciclare in attività produttive? Magari perché i circoli finanziari del nord  rappresentano la grande area grigia in cui i capitali non hanno odore? Risposte banali, cari amici. La risposta giusta ce l’ha un genio misconosciuto - ma che si farà - che milita nella forza politica che più di ogni altra ci induce a condividere il giudizio del Primo Ministro  sul nostro paese (“è un paese di merda”): la Lega Nord. La risposta, tenetevi forte, è che la diffusione della mafia al nord è dovuta ai magistrati meridionali. A rivelare questa scomoda verità un uomo che in futuro potrebbe perfino oscurare la fulgida stella di Mario Borghezio quale esemplare fra i più indecorosi di bipede italico: l’ Onorevole (sic….) Alberto Torazzi. Segnatevi questo nome. Non che si voglia censurare il razzismo di questi “pensatori”, chè, a ben guardarli, c’è da rivalutare le teorie lombrosiane e, ad ascoltarli, da abbracciare gioiosamente la dottrina eugenetica. No. Qui a sorprendere, più dell’inettitudine onnidirezionale, più della volgarità esibita, più della ignavia psichica, più della fiacchezza morale è l’abisso della loro ignoranza. Il suddetto "Onorevole" (perché deputato della Repubblica Italiana….), che, sia detto per inciso,  non è un oscuro leghista di provincia, bensì il capogruppo del Carroccio in Commissione attività produttive, ha,  infatti, affermato dalle prestigiose di onde di “Radio Padania Libera”, che se al nord i magistrati fossero “padani”  (popolo la cui esistenza è probabile  quanto quello degli hobbit),

probabilmente in Padania la mafia non esisterebbe, perché la nostra magistratura, che è fatta tutta di ragazzi del sud coi loro burocrati del sud, è un autentico groviera di informazioni: come fa uno a denunciare un mafioso se il mafioso, dopo tre minuti, lo sa perché viene informato da qualcuno, dagli amici?

Capito? Il mafioso viene informato dai magistrati, perché i magistrati sono del sud e tutti i “sudici” sono mafiosi!

Perché sono fatti così, è la loro cultura.

Ecco. L’ "Onorevole" (perché eletto democraticamente ad occupare un seggio alla Camera dei deputati della Repubblica Italiana, ripeto) con questo suo piccarsi di fare il conoscitore della “loro cultura”, denota l’ assoluta nullità della propria di cultura. 

Non si vuole qui difendere la categoria, non simpaticissima, dei magistrati, sia chiaro, ma confutare l'originale idea che quelli del sud, tipo Falcone o Borsellino, siano portatori di una cultura più mafiosa di quelli del nord,  come sostenuto da uomo politico che probabilmente esprime la concezione di quella parte del paese che lo ha eletto. D'altro canto, l’ "Onorevole" (perché rappresentante del popolo italiano in parlamento, sia chiaro), ha elogiato la purezza e lo scintillio  morale dei suoi:

La Lega è fatta di Maroni che ha arrestato tantissimi mafiosi, ma è fatta anche di molti sindaci coraggiosi, come Cesarino Monti e Gentilini – si, ha detto Gentilini, il tragicomico primo cittadino di Treviso…. - che hanno preso iniziative contro i mafiosi, contro il riciclaggio, contro gli islamici – si, ha detto “contro gli islamici”….. - poi è però intervenuta la Corte Costituzionale che, putacaso (espressione colta in uso fra i padani che forse insinua dubbi sulla moralità del caso), è fatta tutta di ragazzi del sud che, putacaso (vedi sopra), vengono da regioni mafiose (che vuol dire del Sud).

Qualcuno avverta l' "Onorevole" (perchè eletto alla Camera dei deputati di questo paese da persone che parlano la mia stessa lingua, o quasi) che dei magistrati meridionali hanno scoperto che la camorra prospera grazie ai rifiuti  provenienti da aziende del nord. Qualcuno ha forse spiegato l'azione criminale degli imprenditori che hanno per sindaco il "coraggioso" Gentilini con un "sono fatti così, è la loro cultura"?

Si, se uomini come questi siedono in parlamento, l’Italia è proprio un paese di merda.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi lega nord mafia padania

permalink | inviato da tarantula il 8/9/2011 alle 17:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Ora le baciamo davvero.....
post pubblicato in StupidItalia, il 20 agosto 2010

 Ecco la prima pagina de La Padania di giugno 1998. Quando Berlusconi e la sua ghenga erano cattivi. Ora sono alleati. La "Pravda" dei padani sta, in questi giorni, dimostrandosi ottimo giornale di regime (mafioso?) mantenendo un rigorosissimo silenzio stampa sulla condanna definitiva, dicesi definitiva, a sette anni di carcere di Dell'Utri per associazione mafiosa, dicesi mafiosa.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi lega nord mafia dell'utri

permalink | inviato da tarantula il 20/8/2010 alle 19:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Più di tre accordi è jazz
post pubblicato in StupidItalia, il 19 ottobre 2009
 di Luigi Corvaglia



“Più di tre accordi è jazz”. Con questa citazione insolita del musicista maledetto Lou Reed, Massimo Ciancimino, figlio di Don Vito, mafioso ex sindaco di Palermo, ha risposto al giornalista che gli chiedeva ragguagli sulla trattativa fra mafia e Stato. La parafrasi musicale sta a significare che, quando si è accertato un numero di fatti che supera una ragionevole soglia di sospensione del giudizio, si passa ad una condizione nuova. Questa condizione è la certezza che ci fu una trattativa. Come dire che, se io denuncio un tizio per aver fatto qualcosa di illecito e il giorno prima dell'udienza in cui dovrò testimoniare per confermare il fatto trovo due suoi sgherri armati sotto casa,  è mafia. Bene, il fatto in questione è avvenuto, esattamente così, proprio al signor Ciancimino figlio. Questi ha detto che il Generale Mario Mori del ROS dei Carabinieri nei secoli fedeli è l'uomo che  ha trattato personalmente con la cupola di Cosa Nostra per conto dello Stato Italiano. Oggi avrebbe dovuto presentarsi in udienza. Ieri sera la sua scorta ha fermato due tizi molto sospetti sotto casa di questo testimone chiave. Ma non vuoi che si trattava proprio di due carabinieri dei ROS armati?  A quanti accordi siamo?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia

permalink | inviato da tarantula il 19/10/2009 alle 17:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio        ottobre
il mio profilo
tag cloud
links
calendario
cerca